Craniosacrale e Sport

 

craniosacrale e sportLa tecnica craniosacrale è ricca di strumenti e strategie di sostegno alla Salute, grazie ad essa la persona ricevente riesce ad utilizzare le proprie risorse interiori per migliorare lo stato psicofisico. Anche in ambito sportivo rappresenta un valido aiuto che esplica in 3 grandi categorie interconnesse tra loro:

 

  1. L’operatore craniosacrale può lavorare a livello di articolazioni, fascia connettivale, muscoli, tendini, capsule… accompagnando il sistema ricevente a gestire al meglio delle proprie capacità i punti di tensione. Nella pratica la tecnica craniosacrale contribuisce a diminuire le contratture, incrementare la microcircolazione ed il drenaggio linfatico, aumentale elasticità e resistenza connettivale (ricordiamo che il tessuto connettivo rappresenta il 70% del totale dei tessuti corporei).
  2. Il craniosacrale offre delicati ma profondi stimoli senso percettivi al sistema ricevente e questo rinforza fortemente la propriocettività del sistema ricevente con positive ripercussioni sulle capacità senso motorie dell’individuo.
  1. Con il craniosacrale è possibile raggiungere livelli coscienti e subcoscienti di rilassamento e di autocentratura, con grandi benefici nella gestione delle emozioni compresi ansia (di prestazione e non), agitazione, paura, stress. Inoltre l’ auto centratura permette di contattare in sé un’area di “calma interiore” all’interno della quale l’individuo può concentrarsi sull’obbiettivo in modo più “pulito” dall’interferenze emozionali.

 

Leggi a riguardo l’articolo sul Corriere dello Sport

» La craniosacrale: una delle terapie che ha permesso il recupero fisico dei biancocelesti.

 

Contattaci qui Per maggiori informazioni.

 


Cranio Sacrale Pordenone Copyright Carrara Carlo - Tutti i Diritti Riservati - Sviluppato da 989Web